DIFFERENZIATA A RAVANUSA: RISPARMIATI DIECIMILA EURO GIA’ NEL PRIMO MESE

Posted at 6 luglio 2015 | By : | Categories : Raccolta Differenziata,Rifiuti | 0 Comment

A un  mese dall’avvio del piano “Ravanusa Ricicla!”, il Comune, in sinergia con Ecoface, ha reso noti i report ufficiali relativi alla raccolta differenziata e alla diminuzione dei rifiuti conferiti in discarica.

Dal 3 giugno al 3 luglio 2015, i cittadini di Ravanusa hanno conferito nei cassonetti stradali: 32,25 tonnellate di carta e cartone, 21,42 di plastica, 11,43 di vetro, 0,08 di metalli.

Per dare un’idea di quanto l’esperimento sia stato fruttuoso per la comunità, basti pensare che la media mensile della raccolta della plastica, che è il materiale più importante ai fini dei corrispettivi Conai, si era attestata fino al mese precedente intorno alle 2,5 tonnellate. Un exploit numericamente impressionante, dal momento che le famiglie di Ravanusa hanno conferito materiale riciclabile per dieci volte rispetto al passato.

Un successo indiscutibile dell’amministrazione, che ha puntato sul piano “Ecoface Lab”, a costo zero per i cittadini: “Siamo davvero orgogliosi – spiega Gaetano Carmina, vicesindaco – di assistere a questa piccola rivoluzione di civiltà, in cui i protagonisti sono i cittadini. Senza fare alcun investimento, siamo riusciti ad avviare la raccolta differenziata e a coinvolgere la cittadinanza. Adesso è il momento di rilanciare e puntare più in alto, cercando di intervenire sugli aspetti in cui si può crescere, come la qualità dei materiali”.

Su questo tema, passato il primo mese, l’amministrazione ha annunciato un immediato inasprimento dei controlli, che saranno effettuati a campione dalle forze dell’ordine, per contrastare le infrazioni, colpevoli di impoverire fortemente la purezza dei materiali riciclabili, e dunque di abbassarne anche il valore economico riconosciuto dai consorzi di filiera.

Altro dato di straordinaria evidenza è l’abbattimento di circa 91 tonnellate di rifiuti conferiti in discarica, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Tale risultato si è tradotto in un risparmio di circa 7.500 euro, tra costo di conferimento e risparmio di carburante.

Più difficile quantificare immediatamente il ritorno proveniente dal Conai, poiché bisogna attendere il riscontro ufficiale di ciascun consorzio, per ogni tipologia di materiale. I criteri che entrano in gioco sono infatti molteplici e riguardano soprattutto l’analisi merceologica e le frazioni estranee. In ogni caso ci si dovrebbe attestare dai 2.000 ai 2.500 euro.

“Sono dati che sorprendono anche noi – affermano Gero e Valerio La Rocca di Ecoface – il nostro metodo si basa soprattutto sul fattore umano e sulla giusta sensibilizzazione, potenziata dal riscontro costante e dalla trasparenza, garantiti attraverso la pagina Facebook attivata. Dobbiamo impegnarci ancora, perché i margini di miglioramento sono notevoli e possono creare condizioni ancora più vantaggiose ai fini dello sgravio sulle bollette dei cittadini.”.

Un punto di partenza importante, che apre la strada a nuovi traguardi di rispetto dell’ambiente, riduzione delle emissioni carboniche, contenimento delle emergenze igienico sanitarie e riduzione delle tasse a carico delle famiglie. L’obiettivo dei prossimi mesi è attestarsi intorno a una media di 11.000 euro mensili, tra risparmio ed entrate dal Conai, che vanno ad aggiungersi ai risparmi della gestione diretta ordinata dal sindaco, Carmelo d’Angelo, dal dicembre 2014.

Parole di apprezzamento sono state espresse anche dai vertici di Legambiente Sicilia, che hanno dimostrato particolare interesse al modello Ravanusa sulla differenziata.

Share Button

About Ecoface

Leave a Comment